.:: Med Diet - Mediterranean diet ::.


In questa sezione

Produzione

Production

Durum wheat: 4,180,000t; soft wheat: 3,499,000t; barley: 930,000t; oat: 292,891t; rye: 16,115t; rice: 1,555,833; corn: 7,889,000t.

(ISTAT – www.istat.it/it/prodotti-dati)

Regional Production

All the Italian regions produce cereals. Southern Italy is the land of durum wheat, the Po Valley is the land of soft wheat, corn and rice. Minor or niche crops have developed everywhere, as farro (PGI Garfagnana Farro, PDO Monteleone di Spoleto Farro) or the buckwheat. Cereals, annual plants, are one of the main creators of Italian landscape, famous for the harmony of colours, changing with the seasons: the colours of ploughed fields, the green appearing in spring, the bright yellow of ripen cereals. Flooded rice-fields are represent a charming and evocative landscape.

Produzione        
Grano duro: 4.243.076t; grano tenero: 3.509.082t; orzo: 949.0133t; avena: 292.356t; segale: 16.216t; riso:1.555.833t; mais: 7.928.215t.
(ISTAT – www.istat.it/it/prodotti-dati)
Regional Production

Produzione regionale
Tutte le regioni italiane producono cereali. Il Sud Italia è la terra del grano duro, la Pianura Padana è la terra del grano tenero, del mais e del riso. Colture minori e di nicchia si sono sviluppate un po’ ovunque, come il farro (Farro della Garfagnana IGP, Farro di Monteleone di Spoleto DOP) o il grano saraceno. I cereali, piante annuali, sono tra i principali artefici del paesaggio italiano, famoso per la varietà e l’armonia dei colori che mutano con le stagioni: i colori delle terre arate in autunno, il verde che spunta in primavera, il giallo luminoso dei cereali maturi. Particolari e suggestivi sono i paesaggi delle risaie allagate, le più estese d’Europa.

Data di pubblicazione 16/10/2013 11:06
Ultimo aggiornamento 14/07/2014 13:21